"Per me il cinema deve stimolare il pubblico a pensare in modo diverso.
C'è chi lo fa creando scandalo,
a me interessa cambiare lentamente il punto di vista,
fare innervosire il pubblico,
farlo preoccupare al punto da chiedersi "ma cosa sta succedendo?"

— Terry Gilliam

Home Docenti Docenti FilmMaking Fabio Bianchini
Fabio Bianchini Stampa E-mail

fabio_bianchiniFabio Bianchini Pepegna nasce a Macerata nel 1961. Attualmente vive a Bologna.
Svolge formazione professionale dal 1995. Tra il 2007 e il 2009 è stato coprogettatore e docente del corso di montaggio di “Officinema”, laboratorio formativo della Cineteca di Bologna (durata 13 mesi full time).
Nel 2010 ha montato “Il popolo che manca” (www.ilpopolochemanca.it), documentario di Andrea Fenoglio e Diego Monetti, produzione Pulsemedia, vincitore al 28esimo Torino Film Festival del “Premio Speciale della Giuria” (ex aequo), del “Premio Avanti” (Agenzia Valorizzazione Autori Nuovi tutti italiani) e di una menzione speciale dalla giuria del premio UCCA.
Nel 2009 ha montato “In other sea” dell’antropologo Franco La Cecla, edito in dvd da Eleuthera, vincitore del San Francisco Ocean Film Festival 2010 (www.oceanfilmfest.org).

Nel 2008 ha montato “La rabbia di Pasolini”, una ipotesi di ricostruzione della versione originale del film “La rabbia”  di P. P. Pasolini(1963), regia di Giuseppe Bertolucci, prodotto e distribuito dall’Istituto Luce, presentato al Festival di Venezia e finalista ai Nastri d’Argento 2009, distribuzione home video Vivo Rarofilm.
Nel 2007 ha collaborato con Vittorio De Seta alla riedizione dei suoi documetari degli anni ’60, “Il mondo perduto di Vittorio De Seta” edito in dvd presso Feltrinelli editore. Ancora nel 2007 ha montato ”Le vie dei farmaci” di Mellara e Rossi, premiato come “miglior documentario italiano” al Torinocinemambiente 2007, distribuito e editato in numerosi paesi del mondo, edito in Italia da Cecchi Gori Home Video.
Ha montato il film lungometraggio ”E se domani” con Luca Bizzari e Paolo Kessisoglu, distribuzione Medusa e il cortometraggio “Zinanà” di Mezzapesa, vincitore del David di Donatello 2004.


LAVORI PER LA TELEVISIONE

Nel 2005 è stato montatore senior di “h24”, docufiction in 13 puntate prodotta da Grundy in onda su Raitre, e di “Building the winter games”, 4 episodi prodotti dalla Stefilm, in onda su Discovery channel in 17 paesi del mondo.
Negli anni ’90 ha lavorato continuativamente al montaggio di trasmissioni televisive: “Chi l’ha visto?”, “Ultimo minuto”, “Fuori orario”, “Professione reporter”, “Turisti per caso”. Nel 1995 è stato formatore, con Milena Gabanelli e Alberto Cavallone, del personale di “Seimilano”, tv del gruppo Benetton, prima in Italia nell’utilizzo di troupes leggere e tecnologia prosumer.

 

Friends Online