"Per me il cinema deve stimolare il pubblico a pensare in modo diverso.
C'è chi lo fa creando scandalo,
a me interessa cambiare lentamente il punto di vista,
fare innervosire il pubblico,
farlo preoccupare al punto da chiedersi "ma cosa sta succedendo?"

— Terry Gilliam

Home Corsi Corso Recit. Cinematografica
Corso Recitazione Cinematografica Stampa E-mail

La quinta edizione del corso inizierà il 14 Gennaio 2017

Coordinatrice di corso:

Stefania De Santis

Docenti
Stefania De Santis
Daniele Ciprì
Daniele Orazi
Lucia Mascino
Aglaia Mora
Francesco Amato
Daniele Gaglianone
Riccardo Bocci
Paolo Genovese

Assistenti di corso
Riccardo Pallotta
Roberta Sarti

Obiettivi del corso

Fornire agli aspiranti attori le tecniche e le conoscenze necessarie a sviluppare un personaggio e  farlo diventare credibile. Trovare delle analogie con esso, attingendo anche  dalla propria esperienza personale.
La spontaneità è importante, ma non basta. Dev'essere supportata dalla tecnica e dal "Metodo".
Per questo si insegnerà loro a familiarizzare con la macchina da presa e a  muoversi agevolmente su di un set cinematografico, attraverso un'attività pratica.

recitazione

Calendario Biennale

330 ore complessive:
- 300 ore di lezioni frontali e laboratori (week end tra Gennaio e Giugno 2017)
- 30 ore di lavorazione corto di diploma (Giugno/Luglio 2017)

I diplomati sono candidati preferenziali ad interpretare i ruoli principali dei cortometraggi proposti dagli studenti di Sceneggiatura e FilmMaking, che verranno preparati e realizzati tra Settembre 2017 e Giugno 2018.

Il corso è a numero chiuso (max 16 allievi). Il numero minimo di attivazione è di 8 iscritti.
Per l'ammissione è obbligatorio partecipare a un colloquio frontale, teso a individuare interessi e aspettative del candidato.
A conclusione verrà rilasciato un diploma di corso.

Costi

La quota d'iscrizione al corso è di 2.200 euro, da pagare in 4 rate (900 euro all'iscrizione, 500 euro entro il 1 Gennaio 2017, 400 euro entro il 1 Marzo 2017, 400 entro il 1 Maggio 2017). Oltre alla partecipazione alle lezioni ordinarie, ai seminari e alle attività pratiche previste, la quota comprende l'utilizzo dell'attrezzatura tecnica delle Officine per scopi didattici, la fornitura di dispense e materiale di cancelleria.

Programma

DIZIONE e FONETICA
TECNICHE  DI  BASE PER UN CORRETTO USO DEL DIAFRAMMA
FONDAMENTI DI TRAINING AUTOGENO  
WARM-UP E TECNICA DEL MOVIMENTO
RUDIMENTI DI BIOMECCANICA

IL LAVORO DELL'ATTORE SU SE STESSO
Rielaborazione del Sistema STANISLAVSKIJ e dei metodi:
- LEE  STRASBERG ( ACTORS STUDIO )
- UTA HAGEN
- SANFORD  MEISNER
Sviluppo della immaginazione
Memoria sensoriale e memoria emotiva
Gli ancoraggi (ancore accidentali e premeditate),
la ricostruzione di un ricordo (immagini, sensazioni,suoni,atmosfere),
l'assegnazione di un obiettivo definito
I gradi delle emozioni/imparare a controllare le emozioni
La logica delle azioni /coerenza interpretativa
Recitazione e suggestione
Percorsi di improvvisazione cinematografica

IL LAVORO DELL' ATTORE SUL PERSONAGGIO
IL "METODO"
Analisi della sceneggiatura cinematografica /comprensione del testo
e dei relativi sottotesti per riscoprire l'ambiguità del personaggio
e catturare l'attenzione dello spettatore
L'intervista al personaggio
Codificazione del carattere del personaggio
Studio dei SE e delle circostanze date
Studio della voce del personaggio /dei tempi del personaggio
Studio della postura
Studio degli atteggiamenti ricorrenti

Analisi dei compiti segreti e di quelli svelati
La ricerca del canale di comunicazione più funzionale
fra attore e personaggio (metafore interpretative)

La verità delle azioni e lo studio delle reazioni provenienti dall'ambiente che circonda il personaggio e dagli individui in stretto contatto con esso
Scelte e conseguenze
La ricostruzione del momento scenico in cui gravita il personaggio

Realizzazione corto di diploma

I diversi corsi, portati avanti in contemporanea, avranno, nel corso dell'anno, più momenti di intersezione e di collaborazione, coincidenti con la realizzazione di prodotti audiovisivi mirati. In particolare, al termine di ogni anno, gli allievi realizzeranno un cortometraggio, interamente prodotto dall'istituto. Nella prima fase, verrà scelto uno dei soggetti proposti dagli allievi di sceneggiatura. Da quel momento, tutto il gruppo di scrittura lavorerà per sceneggiare la storia. Una volta terminato, il testo sarà consegnato al gruppo di regia, che lavorerà sulla messa in scena, in collaborazione con i potenziali interpreti e i reparti tecnici. Seguiranno riprese e montaggio, in cui gli insegnanti faranno da supervisori al lavoro reale, svolto dagli alunni.

Richiedi un colloquio gratuito

 

Friends Online